Chi segue il mio blog sa che mi piace raccontare le storie di donne che fanno la differenza. Quelle eccellenze femminili che, in diversi ambiti sociali e o lavorativi, si distinguono per merito, talento, resilienza e determinazione. Donne che non per forza sono nomi “famosi” nel senso comune del termine, ma che sono nomi importanti (e in questo caso anche con molti followers!) nel loro specifico settore o territorio.
Tempo fa ho fatto un viaggio a Padova, una città che oggi mi è entrata nel cuore, ma che prima non conoscevo affatto. Instagram. mi ha permesso di conoscere un cicerone d’eccezione, un blog davvero bello, solare, elegante e utile: www.gallinepadovane.it. La sua editor è una brillante quarantenne che sa davvero il fatto suo. È una Local Blogger, Social Media Manager e Web Editor padovana: Cristina Papini. Conosciamola meglio.

Cristina Papini. Ecco chi c'è dietro le quinte del blog Galline Padovane

Cristina, raccontare la tua città, Padova, e il tuo territorio. Come nasce l’idea di diventare una Local Blogger?
Sono nata nella passata era digitale, il così detto web 1.0. In quell’epoca ho fatto moltissime prove scoprendo una vera e propria passione. Appreso l’HTML un po’ per caso ho iniziato a creare pagine su pagine, realizzando che ciò che creavo mi piaceva e mi dava soddisfazione. Nascono così i miei primi siti, tra cui www.cria.it registrato intorno al 2001 (ora in uso per la vendita di un software gestionale – mannaggia aver fatto scadere quel dominio!) un blog dedicato alla vita con il mio adorato cane (un delizioso bulldog inglese di nome Gaetano).
Poi l’approdo alle community online, di cui ero attiva fruitrice, e l’importante esperienza come co-fondatrice e amministratrice del primo forum italiano dedicato alla razza del bulldog inglese. Nella community cinofila sono nate sinergie incredibili e che mi portavano a girare l’Italia in lungo e in largo per presenziare a raduni e incontri con altri appassionati come me.
E poi la scintilla: perché non creare una community locale che sfruttasse gli strumenti digitali e che abbracciasse le mie tante altre passioni? Tra cui ovviamente in primis la passione per il mio territorio, da cui mi separo sempre con fatica ma non solo, anche l’arte, la cucina, la moda. Una community pensata per le donne, per condividere inclinazioni comuni, per chi come me ama incontrarsi online ma scambiare anche qualche parola offline senza però dover andare troppo lontano. L’idea di gallinepadovane.it nasce da qui, da questo percorso di vita e da questa mia idea.

Cosa significa essere una Local Blogger? Cosa ami raccontare maggiormente del tuo territorio?
Nel tempo ho capito che ciò che mi dava maggiore soddisfazione era dare lustro a chi come me opera con passione e professionalità facendo del Veneto la regione ricca ed operosa che è. Ecco la mia Padova e il mio Veneto, raccontati da dietro le quinte alla mia community. Essendo designer di formazione ho trasferito nell’online la mia naturale inclinazione ai processi produttivi e, man mano che me ne veniva data l’opportunità, raccontavo aziende, laboratori, negozi e tutti ciò che mi affascinava del mio territorio vivendolo in prima persona.

In questi anni di attività, hai conosciuto luoghi di Padova di cui non sapevi l’esistenza, oppure hai riscoperto qualcosa della tua città che forse davi per scontato?
Più che luoghi ho scoperto moltissime analogie tra i tanti, tantissimi protagonisti delle mie storie. Analogie che sempre più spesso nascono con una rottura e la voglia di inseguire un sogno. Potrei elencarne a decine.

Chi come me ti segue sui social lo sa, ma il web ti ha fatto conoscere anche fuori dai confini veneti. Per cui, perché il nome Galline Padovane per il tuo blog?
Il nome è venuto spontaneamente poiché per chi vive a Padova con il termine galline padovane si intendono proprio le ragazze di qui.

Come organizzi le tue giornate?
Paragono le mie giornate al gioco del Tetris, il famoso videogame di logica anni ’80, e più aumentano le soddisfazioni più veloci e articolate si fanno le schermate. Poiché sono coinvolta in molti progetti per la parte blogging, ma opero anche come libero professionista nella comunicazione digitale per aziende, ho un’agenda piuttosto fitta. Sono anche una mamma presente per cui una parte della mia giornata, il pomeriggio solitamente, mi dedico esclusivamente a mio figlio. Sono dell’idea che le passioni vadano inseguite con costanza e determinazione, ecco perché lavorare spesso fino a molto tardi per portare a termine ogni task mi pesa relativamente.

Cristina Papini. Ecco chi c'è dietro le quinte del blog Galline Padovane

Padova è una città che personalmente amo molto. Mi lega un momento particolare della mia vita. Vale davvero la pena visitarla, non solo come meta religiosa. Visto che il Natale non è poi così lontano, chi meglio di te può anticiparci come trascorrere qualche giorno a Padova sotto l’albero?
Per questo Natale vorrei consigliare il nostro incredibile patrimonio termale e quindi benvenuti soggiorni, day Spa e via dicendo nelle splendide località di Abano e Montegrotto Terme, in una delle tante prestigiose strutture locali.