A mio avviso è la guida che mancava.
Bello da vedere, nel senso che già dalla copertina è un libro che ti vien voglia di comprare. Poi, se sei un genitore, appena inizi a leggerlo lo adori! È utile anche da regalare a zii, amici, tour operator e a chiunque abbia a che fare con bimbi e viaggi.
Esatto, questo è il titolo: “Bimbi e Viaggi – la guida completa per viaggiare sereni con i bambini”, firmato da Milena Marchioni e Michela Toffali, edito da Giraldi Editore.

Bimbi e Viaggi. La guida che mancava

Il libro è frutto di esperienze personali e di un lavoro di ricerca. Da dove nasce l’idea?“L’idea nasce da chat notturne di WhatsApp, nelle quali per lungo tempo ci siamo chieste come mettere insieme le tantissime informazioni che giornalmente condividevamo tramite il blog o l’interazione online con la community di Bimbi e Viaggi. Allora ci siamo dette: perché non mettere in un unico strumento, magari un bel libro da poter sottolineare o su cui prendere appunti, tutte le risposte ai dubbi che attanagliano genitori che viaggiano con i figli? E così, notte dopo notte, è nata la guida, dove chiacchieriamo virtualmente con le varie tipologie di mamme e condividiamo trucchi e ansie per far si’ che viaggiare con i bambini non significhi solo disperarsi di fronte alla valigia da fare, ma riuscire davvero a vivere un’esperienza da ricordare per tutta la famiglia.”

Suggerimenti per tutte le mamme e per ogni tipo di viaggio, che sia per mare, terra o in volo. Viaggiare è importante ma – specialmente con i bambini- è oneroso e impegnativo. E spesso molte famiglie si limitano a piccoli spostamenti, perdendosi il piacere della scoperta di luoghi e culture nuove. Il vostro libro tende a spronare anche le famiglie più “pigre”. Psicologicamente è confortante, grazie anche all’inserimento nel testo di vere e proprie testimonianze.  Brillante, ironico, originale. Quanto avete impiegato a realizzare il libro?
“Siamo entrambe mamme lavoratrici, quindi come ti dicevo le pagine di questo libro hanno visto molti raggi di luna e poca luce del sole. Scrittura e pubblicazione hanno richiesto circa 1 anno e mezzo, durante il quale abbiamo lavorato letteralmente a quattro mani su un canovaccio condiviso su Google drive.”

Riscontri dalla pubblicazione ne state avendo?
“Ne stiamo avendo molti, ormai è in atto una vera e propria maratona fotografica: i lettori ci stanno inviando foto del libro dai più disparati angoli del mondo… abbiamo ricevuto immagini di quella copertina turchese sdraiata in spiaggia, seduta sulla panchina al parco, tra le mani di bimbi che la scarabocchiavano o mariti che la leggevano di nascosto. La verità è che il libro sta piacendo molto perché è ben distante da tutte quelle guide smielate dove sembra che viaggiare con i bambini sia la cosa più semplice del mondo e una arriva all’ultima pagina frustrata perché ha l’impressione di essere la sola ad affrontare paranoie e intoppi di viaggio.”

Milena Marchioni e Michela Toffali - le autrici

Milena Marchioni e Michela Toffali – le autrici

Per alcuni le ferie estive sono dietro l’angolo. Qual è il viaggio ideale per una famiglia con bambini?
“Il viaggio perfetto è il viaggio che desideri. Mi spiego meglio: viaggiare ci deve gratificare, deve essere un piacere, se non altro per la maggior parte della sua durata. Se avete voglia di un on the road negli Stati Uniti, non fatevi bloccare dalla paura per finire in una pensioncina sulla riviera adriatica a pensare a “vabbe’, magari la prossima volta”. Viceversa, se siete stanche, esaurite, distrutte da un anno di lavoro e avete bisogno di “tirare il fiato”, lasciate stare il mega tour della Thailandia perché diventerebbe la classica goccia che fa traboccare il vaso. Praticamente tutto il mondo è a misura di bambino e di famiglia, siate oneste con voi stesse e scegliete la meta con il cuore e con la pancia, non facendovi guidare dalle paure e dai dubbi.”

Con mia grande soddisfazione, ci sono anche suggerimenti per viaggiare con un neonato. Questo vuol dire che non ci sono impedimenti per prendere e partire con bagagli e prole. Finché sono piccoli, però, scegliere una destinazione è semplice. Quando i figli crescono, quanto è importante condividere insieme a loro la scelta di un viaggio?
“Essere una famiglia significa sostanzialmente condividere. Questo vale per tutto, no? E’ bello poter pianificare insieme ai bambini, cercare di capire in che direzione li porta la loro curiosità, magari anche esaudire in viaggio quelli che sono i loro desideri o gratificare i loro interessi. Viaggiare non è semplicemente andare in ferie, significa costruire ricordi e realizzare un pezzettino di quello che saranno i viaggiatori –  e i cittadini – del futuro.”

In conclusione, mi piace sottolineare una specie di provocazione costruttiva che si evince dal testo: viaggiare con i bimbi si può, anzi si deve indipendentemente dalle paranoie di mamma e papà?
“Viaggiare con i bambini si può, a volte è difficile, a volte ti chiedi perché hai snobbato il villaggio All inclusive con il mini club per ritrovarti nella giungla malese, ma si può. Da mamma, ogni volta che devo affrontare un intercontinentale con mio figlio mi ripeto tipo mantra: se sei sopravvissuta a 12 ore di travaglio dove non ti davano manco un bicchiere d’acqua, 12 ore di volo con una hostess che alle brutte un bicchiere di vino te lo da gratis… sono un gioco da ragazzi! Scherzi a parte, c’è una regola che vale sempre: tutto è fattibile se sai come farlo. E in questo libro noi lo spieghiamo passo per passo.”

Graduation Backdrops

Buon viaggio e buona estate e tutti voi!