Oggi ci sono ben due ricorrenze da festeggiare.
Almeno per me!
La prima, quella che ci accomuna, è la FESTA DEL PAPA’.

happy-fathers-day

Indipendentemente dalla presenza o meno, dal tipo di rapporto che abbiamo con la figura del padre, oggi è di diritto la loro festa.

La seconda ricorrenza riguarda il mio blog: 4 mesi di “chiacchiere e distintivo” online!
Tanti auguri a Key! 🙂

festa_del_papaIl 19 marzo si ricorda anche San Giuseppe, padre in terra di Gesù.  Modello per eccellenza di padre e marito. San Giuseppe è anche protettore dei falegnami, degli orfani e delle donne nubili.
Che dire del mio babbo?
E’ una persona che stimo, alla quale voglio MOLTO bene. Lo rimprovero spesso ma mai abbastanza per la sua inguaribile bontà. Ma so che è questa la sua forza.
Padre di quelli tradizionali, dalle poche parole ma dagli sguardi eloquenti con quell’azzurro degli occhi che ti ipnotizza. Autorevole quando serve. Autoritario mai. Non è il mio confidente (per quello c’è la mamma) ma sa ascoltare anche i miei (seppur rari) silenzi. Un uomo cresciuto – come dice mia nonna (sua suocera) – a pane e fatica. Un gran lavoratore. Una persona mite che, nonostante la vita e alcune persone a lui care, nelle quali aveva riposto una fiducia incondizionata abbiano osato fregarlo,  continua ad avere fiducia nel prossimo.
Forte della sua innata bontà.
Per gran parte della sua vita mio padre è stato un bravo falegname, ora artigiano di qualità.  Il nostro San Giuseppe! Tra l’altro, visto che assomiglia parecchio a Terence Hill, sarebbe un ottimo Don Matteo!
Mio padre? Una persona perbene.

papa_bambinoA chi ha la fortuna di avere un padre; a chi ha avuto il privilegio di conoscerlo; a chi l’ha perduto; a chi non l’ha mai avuto o peggio a chi un padre ce l’ha ma sceglie di non averlo.
A tutti quei padri buoni ma sfortunati, costretti a stare separati dai loro figli.  A chi, per un percorso di vita diverso, padre sa che non potrà diventarlo, pur desiderandolo.  A chi, invece, possiede il meraviglioso dono della paternità ma non sa apprezzarne il valore.  Ai nuovi padri, un po’ mammi e un po’ amici dei figli.

A tutti, un augurio di cuore, semplice ma sincero, attraverso le parole del Santo Padre, il papà di tutti noi, dedicate alla famiglia.

Quando in una famiglia non si è invadente, si chiede ‘permesso’. Quando in una famiglia non si è egoista, si impara a dire ‘grazie! grazie!’. E quando in una famiglia, uno se ne accorge che ha fatto una cosa brutta e sa chiedere “scusa”, in quella famiglia c’è pace e c’è gioia.”
Papa Francesco- 29 Dicembre 2013