Finalmente è ufficiale: curarsi con i libri si può.
Come? Basta andare in farmacia.
Alla bella notizia dei libri come medicinali se ne aggiunge, però, una meno bella: la libreria curativa è a Firenze. Beati quindi i fiorentini, ma non demordiamo!
La Piccola Farmacia Letteraria, questo è il nome della singolare quanto originale libreria gestita dalla giovane Elena Molini, ha aperto ufficialmente lo scorso Sabato 8 dicembre e si trova esattamente a Firenze nella parte sud del quartiere Gavinana,  in via di Ripoli, all’angolo con via Giampaolo Orsini.

Una Piccola Farmacia Letteraria per curarsi con i libri

Cosa troviamo in una libreria così?
“Acquistare un libro da noi è molto semplice” -mi confida Elena – ” c’è una legenda appesa che indica un colore abbinato a uno stato d’animo (ce ne sono circa 60). A ogni colore corrisponde un bugiardino applicato sul libro che contiene le indicazioni, la posologia e gli effetti collaterali. Il cliente può scegliere autonomamente il libro in base al bugiardino (per ogni categoria sono proposti circa 3 testi) oppure chiedere consiglio a noi se ha delle richieste più particolari.”

Geniale. Credo che in tantissimi ci abbiano pensato ma solo Elena, a quanto è dato sapere, ha avuto la prontezza, l’intraprendenza e le competenze necessarie per rendere questo pensiero una realtà.
Elena ha alle spalle una lunga esperienza come libraria. Ha lavorato per anni in una grande catena di librerie. Molto spesso le persone le chiedevano consigli in base agli stati d’animo propri o degli amici ai quali dovevano regalare il libro. Ed è così che nasce la sua Piccola Farmacia Letteraria.
Per fare un lavoro così complesso, oltre ad avere una conoscenza impressionante di libri vecchi e nuovi, italiani e stranieri, belli e non, credo sia necessario o quanto meno utile avere un background culturale su cui aver posto le giuste basi.
In effetti Elena mi conferma di aver frequentato la Facoltà di Media e Giornalismo, di aver conseguito un Master in Redattore Editoriale e poi di aver fatto la libraria per 4 anni, esperienza direttamente sul campo.

Una Piccola Farmacia Letteraria per curarsi con i libri

Prima o poi andrò a trovarla, ma intanto la metto alla prova!
Cara Elena, facciamo un esempio pratico: se venissi da te e ti rivelassi che per me questi sono giorni difficili in cui vorrei dimenticare lo stress causato da dure giornate lavorative; se ti dicessi che mi piacerebbe tornare a casa la sera e leggere una storia che mi alieni dalla mia stressante quotidianità. Cosa mi consigli?
“Ti consiglierei di leggere “Vivere momento per momento” di Jon Kabat-Zinn, un classico della mindfulness adatto a tutti, per riequilibrarsi e rallentare in un mondo che sembra andare troppo di fretta.”

Wow! Resto molto soddisfatta della cura letteraria che la mia ormai farmacista libraria preferita mi ha suggerito.
Ed ecco infatti il libro con il relativo bugiardino allegato.

Una Piccola Farmacia Letteraria per curarsi con i libri

Elena, quale libro stai leggendo in questi giorni?
“Attualmente sto leggendo “L’amore al tempo degli scoiattoli” di Elisabeth McKenzie, lo sta valutando per l’inserimento nel catalogo della Farmacia.”

Paracelso diceva che “nella natura tutto il mondo è una farmacia che non possiede neppure un tetto”. Oggi anche un libro è un farmaco e un tetto ce l’ha!